Translate

giovedì 14 marzo 2013

L'ATOMICA FINANZIARIA: a.k.a. "LA CARTOLARIZZAZIONE"PT.2

Il processo di cartolarizzazione qui descritto, può portare ad esiti molto positivi per tutti i partecipanti, se gestito con prudenza. Se invece, lo si struttura come un processo orientato esclusivamente alla logica "originate to sell" nel quale prevale solo l'istinto del "predatory lending" -come nella crisi subprime- allora si rischia di finire male: come infatti siamo finiti. Le banche e i vari intermediari americani, hanno azzardato come in un grande casinò globale, convinti di vincere sempre e comunque, sicuri di aver annullato e non semplicemente trasferito i rischi, tramite il processo di derivazione. Hanno concesso crediti folli, si pensi ai ninja mortages, li hanno ceduti poco dopo ripulendo i bilanci dai rischi -elevati- connessi, hanno derivato junk mortages incassando nell'immediato l'extra rendimento e perdendo di vista la barca -il portafoglio titoli- in balia delle onde -le insolvenze dei vari debitori-. Il tutto sotto gli occhi delle Agenzie deputate al controllo, che conoscevano le asimmetrie che fiaccavano gli anelli della "catena lunga" della cartolarizzazione e che non  hanno mosso un dito. 
I borrowers, quasi mai bancabili, sono stati attirati nella rete dei subprime dagli orginators, che ben conoscevano l'esito verosimile della singola operazione di finanziamento subprime -vale a dire l'insolvenza-; ma a loro interessava lucrare sulle commissioni applicate, sui processi di derivazione.
Gli investors -coloro che hanno comprato i prodotti della derivazione- lo hanno fatto senza conoscere le dinamiche del sottostante incidenti sul valore in portafoglio. Lo hanno fatto sulla base del rating. Chi doveva dare un rating imparziale, non lo ha fatto perché remunerato da chi il rating doveva riceverlo E chi doveva riceverlo -l'arranger- ha fallito nell'analisi dei crediti -dell'originator- che doveva strutturare nell'ottica della cartolarizzazione. Moral hazard, quadro macroeconomico fragile, adverse selction -spesso cercata e voluta- ed il sistema mondiale continua a vivere un lungo e devastante crack down. 
L'idea della clonazione infinita della ricchezza è stata una grande illusione, che ha fatto vivere un mini sogno a tutti gli americani per 3-4 anni e che sta facendo vivere un grande incubo a milioni di persone nel mondo.