Translate

venerdì 15 marzo 2013

(AUTO)PROMOZIONE DEL FALLIMENTO

Se ti piace quanto scritto, clicca sulla mosca "Tze Tze" alla fine dell'articolo. Grazie.

 Immaginiamo che un Consiglio di Amministrazione “Monti” sia stato (e sia ad interim) il CdA di un’azienda denominata “Repubblica-Italia S.p.A” e che un certo Monti sia l’Amministratore Delegato.

Immaginiamo che l’Ad, un giorno, si sfiduci da sé e dopo aver fatto una magra figura alle votazioni per rinnovare il Consiglio di Amministrazione, vada in giro (ad interim) per l’Europa a dire che ha salvato l’azienda. E’ grazie a lui se “Repubblica- Italia S.p.A” esiste ancora.
Il discorso potrebbe essere più o meno il seguente.

<<Cari soci-cittadini europei e burocrati sconosciuti ai più,
è trascorso oltre un anno da quando io ed i membri del Cda ci siamo abusivamente insediati, su mandato della BCE, in questa azienda piena di problemi economici – finanziari. Problemi che abbiamo affrontato  attraverso l’adozione di misure efficaci, che hanno portato a risultati eccellenti.
Partiamo dai provvedimenti  più significativi. In qualità di membri del CdA abbiamo:
  1. anticipato l’entrata in vigore dell’Imu estendendone l’applicazione sulla prima casa ed in più ne abbiamo aumentato il peso agendo sia  sulla rivalutazione delle rendite che sui moltiplicatori;
  2. consentito alle Regioni  di aumentare l’addizionale Irpef sino all’1,23%;
  3. consentito alle province di aumentare l’Ipt sopra i 53 kw;
  4. introdotto un’imposta anche sugli immobili che possedete all’estero. Tassare quelli che avete in Italia ci sembrava poco ed ecco pronta l’Ivie;
  5. introdotto un’imposta di bollo per le comunicazioni relative agli strumenti finanziari pari all’1 per mille nel 2012  e all’1,5  per mille nel 2013;
  6. portato il bollo  sugli estratti conto dei c/c e sui rendiconti dei libretti di risparmio  a 34,20 € per le persone fisiche e a 100€ per le persone giuridiche;
  7. introdotto il super bollo per le auto, una tassa sulle barche e sul peso degli aeromobili;
  8. introdotto qualche accisa sui carburanti,perché quelle che c’erano ci sembravano esigue;
  9. introdotto la Tarse per farvi pagare di più la spazzatura che producete;
  10. bloccato l’indicizzazione delle pensioni superiori a €1.400,00
  11. aumentato le aliquote contributive (vale a dire il costo del lavoro) per coltivatori diretti, artigiani, commercianti, autonomi ed autonomi con gestione separata; se qualcuno è rimasto esonerato ce ne scusiamo;
  12. cercato di mantenere intatte le pensioni superiori ai 200.000€ prelevando un misero 15%;
  13. aumentato tabacco trinciato, canone Rai e pedaggi autostradali;
  14. smontato l’articolo 18 convincendo qualche sindacalista del fatto che non lo avremmo toccato: il bello è che ancora qualcuno non si è accorto della riforma del mercato del lavoro;
  15. aumentato l’età pensionabile in modo da combattere il ricambio generazionale a livello occupazionale;
  16. lasciato senza stipendio e senza pensioni centinaia di migliaia di esodati e poiché il nostro cda ha dichiarato guerra agli evasori,  in cambio di un’imposta di bollo fissata al 10 per mille per quest’anno, al 13,5 per mille per il 2013 e al 4 per mille a partire dal 2014,  abbiamo deciso di continuare a garantire loro l’anonimato. In più abbiamo gli abbiamo fatto pagare un una tantum misera del 10 per mille;
  17. fatto una legge anti corruzione farlocca;
  18. aumentato l’IVA dal 20% al 22%.

Le misure di cui sopra, hanno portato ai seguenti eccelsi risultati:
    • Perdita di reddito delle famiglie in un anno, senza precedenti nel dopoguerra;
    • Perdita di consumi delle famiglie in un anno, senza precedenti nel dopoguerra;
    • Saldo imprese negativo per 120.000 unità in un anno, senza precedenti nel dopoguerra;
    • Pil procapite tornato ai livelli di 14 anni fa, senza precedenti  nel dopoguerra;
    • Record assoluto debito pubblico;
    • Pressione fiscale ai livelli massimi;
    • Disoccupazione giovanile al 36,5%.

In virtù di quanto sopra, mi sento legittimato ad andare in giro per l’Europa e dire che ho  posto questa azienda in una situazione di sicurezza finanziaria.
I risultati ottenuti, come vado oramai dicendo come un disco rotto ma non solitario, essendo accompagnato da giornalisti che si spacciano per economisti, lo dimostrano.  
In attesa di poter far peggio, anche grazie a quelli che passano le giornate in stato di eccitazione pensando a quelle due gran fighe di Rigore ed Austerity, porgo sentiti ringraziamenti