Translate

lunedì 6 maggio 2013

LA LEGGE DODD-KERR E LE INDICAZIONI EUROPEE SUI DERIVATI PT2

Per evitare che i contribuenti in futuro, possano ritrovarsi dinanzi all'alternativa costi di salvataggio/costi di liquidazione degli operatori "too big to fail" (costi che esprimono il valore della cauzione - bailout),  il Financial Stability Oversight Council cercherà di prevenire il sovradimensionamento degli intermediari, rivolgendo alla Fed raccomandazioni tali da evitare che nel sistema finanziario si creino i presupposti strutturali dei rischi sistemici. 
La Volcker Rule invece è un complesso di regole che ha come obiettivo quello di evitare che banche e loro affiliate possano compiere trading su azioni e strumenti propri o anche sponsorizzare hedge funds e privaty equity funds (solo in alcuni casi e con limiti chiari sarà consentito uno skin in the game).
Tra le novità introdotte in questi anni negli USA, si possono ricordare anche le riforme in materia di procedure di liquidazione degli intermediari, finalizzate a consentire alla FDIC (agenzia federale di assicurazione dei depositi) di limitare le perdite per gli azionisti, i creditori ed assicurare la rimozione dei dirigenti ritenuti responsabili delle condizioni d'insolvenza. La FDIC, offre in garanzia somme pari al valore della liquidazione, recuperabili tramite vendita degli assets, pena un "claw back" ai pagamenti verso creditori, superiore al netto da liquidare. 
La parte più interessante della disciplina, riguarda però la trasparency ed accountability to the derivatives market: trasparenza e rendicontabilità per chi opera nel mercato dei derivati. 
La SEC e la CFTC dovranno avere l'autorità di regolare i derivati e gli operati che li trattano. 
Verrà rafforzato il Central Clering and Exchange Trading, cercando di far "emergere" i mercati O.T.C., tramite il rafforzamento delle stanze di compensazione. 
La mortage reform, introdurrà invece una profonda trasformazione dei mutui fondiari, attraverso una serie di criteri tesi ad evitare l'adverse selection, impedendo di concedere mutui sub prime, impedendo gli yield spread premiums, che i mutuanti pagano ai brokers inflazionando i costi dei mutui. Dovranno essere resi pubblici i livelli massimi dei tassi d'interesse variabili. 
Relativamente agli Hedge Funds, l'obiettivo in futuro sarà quello di facilitarne l'emersione dalla zona della "finanza ombra" inducendoli a registrarsi presso la SEC. 
Al fine di evitare conflitti d'interesse, chi predispone -nelle agenzie statali- la compliance dei sistemi di rating non può lavorare per le agenzie private di rating. Inoltre, almeno la metà dei membri dell'NSRO boards (sistema di agenzie autorizzato dalla SEC a rilasciare un rating) non devono vantare partecipazioni nelle società di rating finanziario. Chi emetterà strumenti ABS non potrà più scegliersi la società di rating.
Si incentiva la pratica dei wisthelbowlers, affinché "spifferino" le violazioni del settore  di cui siano a conoscenza. A garanzia della remunerazione, è previsto un fondo dedicato. 
La Dodd-Kerr, impone nuovi sistemi di tracciamento dei pagamenti delle industrie americane verso i pasei del Terzo Mondo a rischio di conflitti armati. 
L'UE da parte sua intende limitare a casi eccezionali il divieto dello short selling e consentire restrizioni ai Credit Default Swaps, quando in determinate circostanze (crisi acute dei debiti sovrani) possano rappresentare una minaccia per la stabilità finanziaria di uno dei paesi membri. 
L'ESMA, la nuova Autorithy di vigilanza Europea del settore finanziario con sede a Parigi,  dal 2011 svolge un'attività di coordinamento e cooperazione tra le autorità statali, unitamente all'Eba (per il settore bancario) l'Eiopa (per il settore assicurativo).
Inoltre l'UE, prevede limiti particolarmente stringenti per il regime retributivo -basato sulle perfomances- dei dirigenti; limiti sia quantitativi della parte variabile, sia qualitativi (la componente variabile non potrà più essere costituita da sole azioni ma anche da titoli del debito convertibili) che relativi al periodo di valutazione dei risultati considerati per la concessione dei bonus.
Non è previsto alcun divieto di trading propietario, che forse verrà introdotto nella nuova MIFID.