Translate

martedì 24 marzo 2015

TRADING AD ALTA FREQUENZA E SPOOFING. IL CASO PANTHER ENERGY

Cari amici, oggi vorrei parlarvi di un'altra strategia usata dagli HFTs, difficilmente rilevabile dalle autorità deputate a salvaguardare l'integrità del mercato, nota con il nome di spoofing. Di seguito, al fine di rendere-spero- più comprensibile la ratio sottostante la condotta oggetto di esame, porterò alla vostra attenzione un caso concreto inerente un tipo di derivato semplice semplice, vale a dire il future contract.
In data 22 Luglio 2013 la U.S. Commodity Futures Trading Commission (CFTC) emanò un provvedimento sanzionatorio nei confronti della Panther Energy Trading e del suo titolare Michael J. Coscia, per aver attuato la pratica manipolatoria dello spoofing, utilizzando algoritmi informatici programmati con l'intento di perseguire il fine illecito consistente nel piazzamento e successiva rapida cancellazione di ordini di acquisto/vendita sul mercato dei futures. Secondo l'Autorità, l'attività irregolare -nell'arco temporale compreso tra l' 8 Agosto e l' 8 Ottobre 2011- ebbe ad oggetto un ampio spettro di commodities i cui strumenti finanziari venivano negoziati sulla CME Group's Globes Trading Platform. La sanzione inflitta dalla CFTC prevedeva il pagamento di una somma pari ad 1,4 milioni di dollari, la restituzione di 1,4 milioni di dollari di profitti oltre al divieto di tradare direttamente ed indirettamente -per un anno- su tutti i mercati registrati presso la CFTC.
Ma cosa successe a livello operativo? Secondo l' Autorità Statunitense, Coscia e Panther avrebbero immesso piccoli ordini -andati a buon fine- aventi ad oggetto la vendita/acquisto di futures, ai quali facevano seguire numerosi grossi ordini di acquisto/vendita ad un prezzo molto più alto/basso di quello fatto segnare dal mercato in quel momento, destinati ad essere cancellati subito dopo. Infatti, piazzando grossi ordini di acquisto (il discorso opposto vale nel caso di sell orders), tentarono di dare -al resto del mercato- l'impressione dell'esistenza di un forte interesse, di una grossa pressione sulla buy side del book, la quale avrebbe potuto suggerire -ai vari traders- che i prezzi di quei contratti, su quelle commodities, avrebbero potuto iniziare a salire di lì a poco, incrementando -di conseguenza- le probabilità che gli altri partecipanti al mercato (nel maturare la convinzione di posizionarsi long su quegli strumenti) acquistassero i titoli posti poco prima in vendita tramite i piccoli ordini inseriti da Panther Energy e Coscia. Tuttavia, questi intendevano dare -esclusivamente- l'impressione dell'esistenza di un buy-side interest, ragione per cui immettevano sì grossi ordini d'acquisto ma con l'intento di cancellarli prima dell'effettiva esecuzione. Non appena i piccoli ordini messi in vendita -poco prima- venivano eseguiti (perché nel frattempo gli altri operatori convinti della creazione di un nuovo trend rialzista falsamente indotto dagli stessi grossi buy orders destinati alla cancellazione, si decidevano a comprare quanto offerto dall' algo trader), i buy orders venivano cancellati e la sequenza operativa rapidamente riprodotta al contrario, ovvero, immettendo piccoli ordini d'acquisto, seguiti da grossi ordini di vendita cancellati subito dopo l'esecuzione dei primi. La costante rappresentazione di pressioni -inesistenti- ora sulla buy ora sulla sell side, per effetto dell'immissione di grandi ordini di acquisto/vendita poi cancellati, di fatto, spostava a vantaggio della Panther tutte le probabilità di ottenere un eseguito sui primi e più piccoli ordini di acquisto o vendita. I contratti futures nel cui trading i soggetti sanzionati risultavano impegnati, riguardavano: energia, metalli, tassi d'interesse, agricoltura, indici azionari, foreign currency commodities, inclusi alcuni strumenti largamente negoziati come i Light Sweet Crude Oil Futures Contract, Natural Gas, Mais, Soybeans, Soybean Oil, Soybean Meal, Grano.


L'esempio che segue, riguarda gli steps dell'attività dell'algoritmo di Panther sui Light Sweet Crude Oil Futures
  1. L'algoritmo immetteva un -relativamente- piccolo ordine su una delle sides del mercato al o in prossima del miglior prezzo offerto in vendita o in acquisto; nel caso qui oggetto di analisi, si trattava di un ordine di vendita di 17 contratti ad un prezzo di $ 85,29 a barile, che era il più basso prezzo tra i tutti i contratti messi in vendita dagli altri partecipanti al mercato. Quindi, l'offerta di Panther & Coscia rappresentava -in quel momento- il best offered price.
  2. In una frazione di secondo (pochi millisecondi), Panther & Coscia, iniziavano ad immettere ordini di acquisto inerenti un -relativamente- consistente numero di Light Sweet Crude Oil Futures Contract a prezzi progressivamente più alti: la prima offerta a $ 85,26, la seconda a $ 85,27, e la terza a $ 85,28. I prezzi offerti dall'azienda di trading algoritmico erano maggiori di quelli proposti dagli altri partecipanti al mercato, peri quegli stessi contratti. Dunque, questa inserì i propri ordini con prezzi più alti e perciò considerati migliori. Immettendo grossi ordini di acquisto, la Panther tentava di dare al resto del mercato l'impressione dell'insorgenza di un forte buying interest, il quale avrebbe suggerito che i prezzi dei futures sarebbero aumentati di lì a poco, incrementando -contemporaneamente- la probabilità che i traders -decisi ad entrare long su quei contratti in virtù della pressione generata sulla buy side- acquistassero i 17 lotti poco prima messi in vendita dal trader algoritmico. Poiché il fine ultimo ed esclusivo della Panther era proprio quello di segnalare l'esistenza di un falso buying interest, gli ordini di acquisto venivano cancellati prima della loro esecuzione.
Nell'esempio di cui sopra, l'algoritmo cercava di catturare un profitto immediato dalla vendita dei 17 lotti, i quali, ovviamente,avrebbero dovuto essere in carico ad un prezzo inferiore rispetto a quello immesso nel sell order, che -a sua volta- avrebbe dovuto comunque attestarsi il più possibile in prossimità (seppur qualche pips sotto) del miglior prezzo di vendita fatto segnare dal mercato in quel momento, altrimenti il rapporto costi/opportunità sarebbe stato sbilanciato tutto a vantaggio dei costi e poco a vantaggio delle opportunità. Quindi, una volta ottenuta l'esecuzione dell'ordine di vendita dei 17 lotti, i grossi ordini inseriti in acquisto venivano cancellati, mentre l'algoritmo si predisponeva prontamente per operare al contrario (in reverse). Cioè, il programma avrebbe immesso un piccolo ordine d'acquisto seguito da grossi ordini di vendita a prezzi progressivamente decrescenti, cancellati subito dopo l'esecuzione dei primi. Episodi di offerte, acquisti, vendite, cancellazioni e nel caso di esecuzione degli ordini, di liquidazione sono stati più e più volte osservati su time frames molto brevi. In alcuni casi, Panther utilizzò lo spoofing algorithm centinaia di volte in singoli giornate di contrattazioni su singoli contratti futures garantendo, nel periodo considerato compreso tra l' 8 Agosto e l'8 Ottobre 2011, un profitto pari a circa 1,4 milioni di dollari.