Translate

venerdì 27 novembre 2015

LA FINE DEGLI ORDINI STOP-LOSS SUL NYSE E L'IMPATTO SUI TRADERS RETAIL PT.1

"Today the markets have lost the trust
of their most precious customer,
the most humble link in the markets ecosystem:
The uninformed trader" 
Philippe Guillot 
Executive Director
Markets Directorate
Autoritité des marchés financiers (AMF)
***
In data 16 Novembre 2015, il NYSE rendeva edotti i NYSE MKT Traders che, a partire dal 26 Febbraio 2016, la piattaforma del mercato non accetterà più né gli STOP ORDERS né i GOOD TILL CANCELLED (GTC) ORDERS e che tutti gli ordini -STOP e GOOD- ancora esistenti sul book del NYSE saranno cancellati.
Apriti cielo. Utenti e traders italiani hanno subito intrapreso interessanti discussioni circa i perché di questa scelta convergendo, in prevalenza, su 3 ipotesi:
  • Il NYSE ha adottato questa soluzione per danneggiare i retail.
  • Il NYSE ha adottato questa soluzione per evitare di danneggiare ulteriormente i retail.
  • Il NYSE ha finalmente capito che gli stop-loss orders non servono a nulla perché col mio trading system algoritmico invio (a chi? Dove?) l'ordine corrispondente, al verificarsi delle condizioni di innesco.
Dover dare l'impressione di atteggiarmi a professorino mi procura un certo fastidio, ma il sentire frottole e favole me ne dà di più, anche perché la verità è di gran lunga più semplice nonché desolante (per i retail intendo) rispetto a quella immaginata ed immaginabile.
Punto primo: gli ordini STOP-LOSS, sul NYSE, rappresentano una quantità -rispetto al totale degli ordini- statisticamente insignificante. Ripetiamolo insieme:gli ordini STOP-LOSS, sul NYSE, rappresentano una quantità -rispetto al totale degli ordini- statisticamente insignificante. Chi lo dice? Lo dice il NYSE. E che cosa dice di preciso? Dice che la categoria “Other”, nella quale rientrano anche (non solo) gli stop-loss orders pesa (ad Ottobre 2015), rispetto a tutti gli altri ordini immessi sul mercato, per un totale di 0,23 punti percentuali. Ribadisco: 0,23 punti percentuali. Tuttavia, il peso della categoria “Other” non è sempre stato così rilevante: ad esempio, il NYSE ci dice che, a Settembre e ad Agosto 2015 era pari allo 0,15%; a Luglio 2015, il valore da questa assunto risultava essere pari allo 0,21% del totale; a Giugno 2015 era pari addirittura allo 0,24% del totale; a Maggio 2015 era pari allo 0,22% 
Quindi, come avrete ben compreso, sul NYSE quasi nessuno fa uso di Stop-Loss orders ed eliminandoli la piattaforma non danneggia nessuno, semplicemente perché -sul NYSE- quasi nessuno ne fa uso (in un altro post vedremo perché).
La domanda che vi starete ponendo è certamente la seguente: «Ma come? Quegli scapicollati di retail non fanno uso di stop-loss? Ma sono pazzi? Accettano così tranquillamente il rischio di grandi perdite?». Chi segue questo piccolo blog, la risposta la conosce già. Anzi, dubito che la conosca: dai feedback che ricevo, quasi nessuno comprende una beneamata di ciò che scrivo, ragion per cui cercherò di essere più pop in questo post.
Allora, avete provato a rispondere al quesito di cui sopra? Perché i retail non fanno uso di Stop-Loss sul NYSE? Perché sono giocatori d'azzardo? Sono pazzi? Coraggiosi? Perché sono furbi e non vogliono essere predati dagli stop-loss hunters? La risposta, ancora una volta, è molto più semplice ed al contempo rivelatrice di una verità molto triste: gli ordini retails -nella maggior parte dei casi- non transitano sul NYSE neanche per sbaglio. Ripetiamolo insieme: gli ordini retails, nella maggior parte dei casi, non transitano sul NYSE neanche per sbaglio. Ancora una volta: gli ordini retail, nella maggior parte dei casi, non transitano sul NYSE neanche per sbaglio (e adesso vedremo chi lo dice). E' un gran peccato che gli ordini dei traders retail non finiscano più spesso sul NYSE: tra i mercati USA, il New York Stock Exchange è quello che offre, per oltre il 60% del tempo in cui le contrattazioni sono aperte, il NBBO (National Best Bid Offer Price) ovvero il miglior prezzo di acquisto e di vendita dei titoli ivi quotati od ivi ed altrove contemporaneamente quotati. Il dato è particolarmente rilevante, essendo garantito da uno solo dei 10 mercati trattanti azionario negli USA: quindi, un solo mercato garantisce in oltre il 60% dei casi il NBBO e nonostante questo (o forse proprio per questo) gli ordini retail, spesso, non giungono su quei lidi. Correttezza mi impone di dire che, il rilievo statistico sulla fornitura di NBBO. è fornito dal mio amico Eric Scott Hunsader, diffusamente considerato il miglior data analyst al mondo (recentemente colpito dalla perdita del padre ed al quale rinnovo, anche qui, le più sentite condoglianze da parte di tutta la community) fondatore della miglior società al mondo di analisi dei dati finanziari miscrostrutturali, vale a dire NANEX.
Sono ancora in debito con voi dovendo rispondere al quesito poco sopra posto: chi dice che gli ordini retail non vanno a mercato sul NYSE? Aggiungiamo un' altra domanda: se non arrivano sul NYSE, dove finiscono?
Procediamo per gradi. A dirci che, non di rado, gli ordini retail non arrivano sul NYSE, sono gli stessi brokers statunitensi (di seguito ne ho selezionato alcuni) i quali sono obbligati dalla SEC a dichiarare verso quali piattaforme gli ordini siano stati instradati, trimestre dopo trimestre.
Nei reports che andremo ad analizzare, troverete la seguente dicitura Non-directed orders as percentage (%) of total customer orders” (o eventualmente altra simile). Che cosa indica tale dicitura? Per comprenderlo, bisogna prima conoscere la differenza tra directed order e non-directed order. Tramite il directed order, il trader chiede ed impone al proprio broker di acquistare o vendere un determinato titolo su di un determinato mercato o su di una determinata trading venue alternativa: il broker deve adeguarsi all'istruzione impartitagli dall'operatore. I directed orders sono generalmente utilizzati da traders sofisticati, i quali tendo ad eseguire preventive analisi interessanti le condizioni microstrutturali della trading venue (o mercato) sulla quale chiedono l'esecuzione. Con i non-directed orders, invece, il trader affida al broker la scelta -effettivamente discrezionale- della sede di esecuzione. Questo, quindi, nel caso di titolo quotato su più mercati potrà instradare l'ordine verso l' uno, verso l'altro, verso una dark pool (clicca qui) o più spesso verso un internalizzatore; nel caso di titolo quotato su di un solo mercato, potrà inviarlo su quel mercato, su di una dark pool o più frequentemente verso un internalizzatore. Ad ogni modo, il broker dovrà garantire che l'ordine venga instradato verso la trading venue offerente le migliori condizioni possibili, spesso ottenute mediante lo specchietto per le allodole (utile ad ingrossare solo i conti di wholesalers e brokers e non di certo a garantire risparmi economicamente significativi ai traders retail) del price improvement (già trattato qui e qui e del quale parlerò ancora in futuro). Alla luce di quanto già detto e soprattutto di quanto sotto, possiamo affermare -senza timore di essere smentiti- che gran parte dei non-directed orders non giungono sul mercato di riferimento ma vanno altrove. Altrove dove? Lo leggeremo all'interno degli stessi reports, essendo le destinazioni finali degli ordini indicate con la dicitura “Venues Receiving Significant % of Total Non-Directed Orders” o altra affine. Un' altra precisazione è necessaria: qualora la somma delle percentuali degli ordini non-directed dovesse risultare inferiore a 100, state tranquilli: non c'è alcun errore. Infatti, ai brokers-dealers non è richiesto di identificare le execution venues riceventi meno del 5% degli ordini non-directed, per tutte quelle sezioni rispetto alle quali abbiano già individuato le top execution venues destinatarie in aggregato di almeno il 90% degli ordini non diretti per la sezione medesima. Infine, nei reports troverete talvolta citata come destinazione degli ordini “Auto Trading Desk” che è sì un broker, ma nel ricevere non-directed orders la cui esecuzione non implichi, per ATD, alcun rischio di capitale diretto, lo stesso attore viene considerato, ex lege, execution venue e non broker
  • Quanti sono i non-directed orders tra tutti quelli ricevuti da “CHARLES SCHWAB” per i soli titoli quotati sul NYSE? Al 30 Settembre 2015, il 98,7%. Alle cure di quali mani sapienti, il broker affida l'esecuzione dei non-directed orders (quindi anche degli stop-loss) ricevuti? A quelle offerte dagli internalizzatori (detti anche wholesalers). Chi sono? Nel caso di specie (cito solo i primi tre, gli altri leggeteli voi): UBS, Citadel, KGC ecc. Ma non è che, per caso, gli internalizers operino -per essere tali- ad alta frequenza? Bhe, per essere internalizzatori o operi ad alta frequenza o semplicemente non sei internalizzatore. Ma questo argomento lo rispiegherò in futuro; nel frattempo, se interessati, cercate sul blog e troverete.
                           
Leggiamo:

  • Quanti sono i non-directed orders tra tutti quelli ricevuti da “EDWARD JONES” per i soli titoli quotati sul NYSE? Al 30 Settembre 2015, il 100%. Alle cure di quali mani sapienti, il broker affida i non-directed orders (quindi anche degli stop-loss) ricevuti? Chi sono?
Leggiamo:

  • Quanti sono i non-directed orders, tra tutti quelli ricevuti da “VANGUARD BROKERAGE”, per i soli titoli quotati sul NYSE? Al 30 Settembre 2015, il 100%. Alle cure di quali mani sapienti, il broker affida i non-directed orders (quindi anche degli stop-loss) ricevuti? Chi sono?
Leggiamo:

  • Quanti sono i non-directed orders tra tutti quelli ricevuti da “E*TRADE” per i soli titoli quotati sul NYSE? Al 30 Settembre 2015, il 100%. Alle cure di quali mani sapienti, il broker affida i non-directed orders (quindi anche degli stop-loss) ricevuti? Chi sono?
Leggiamo:

  • Quanti sono i non-directed orders, tra tutti quelli ricevuti da“FIDELITY RETAIL BROKERAGE” per i soli titoli quotati sul NYSE? Al 30 Settembre 2015, il 97,41%. Alle cure di quali mani sapienti, il broker affida i non-directed orders (quindi anche degli stop-loss) ricevuti? Chi sono?
Leggiamo:

  • Quanti sono i non-directed orders tra tutti quelli ricevuti da“SCOTTRADE” per i soli titoli quotati sul NYSE? Al 30 Settembre 2015, il 100%. Alle cure di quali mani sapienti, il broker affida i non-directed orders (quindi anche degli stop-loss) ricevuti? Chi sono?
Leggiamo:

  • Quanti sono i non-directed orders tra tutti quelli ricevuti da“MORGAN STANLEY WEALTH MANAGEMENT” per i soli titoli quotati sul NYSE? Al 30 Settembre 2015, il 100%. Alle cure di quali mani sapienti, il broker affida i non-directed orders (quindi anche degli stop-loss) ricevuti? Chi sono? 
Leggiamo:

  • Quanti sono i non-directed orders tra tutti quelli ricevuti da“WELLS FARGO ADVISOR LLC” per i soli titoli quotati sul NYSE? Al 30 Giugno 2015, il  100%. Alle cure di quali mani sapienti, il broker affida i non-directed orders (quindi anche degli stop-loss) ricevuti? Chi sono?
Leggiamo:

  • Quanti sono i non-directed orders tra tutti quelli ricevuti da“TRADEKING” per i soli titoli quotati sul NYSE? Al 30 Settembre 2015, il 100%. Alle cure di quali mani sapienti, il broker affida i non-directed orders (quindi anche degli stop-loss) ricevuti? Chi sono?
Leggiamo:

  • Quanti sono i non-directed orders tra tutti quelli ricevuti da“CITIGROUP” (CITIGROUP non è retail oriented, ma è proprietaria di Auto Trading Desk) per i soli titoli quotati sul NYSE? Al 30 Settembre 2015, il 97%. Alle cure di quali mani sapienti, il broker affida i non-directed orders (quindi anche degli stop-loss) ricevuti? Chi sono?
Leggiamo:

  • Quanti sono i non-directed orders tra tutti quelli ricevuti da “GOLDMAN SACHS” per i soli titoli quotati sul NYSE? Al 30 Settembre 2015, il 77,1%.Alle cure di quali mani sapienti, il broker affida i non-directed orders (quindi anche degli stop-loss) ricevuti? Chi sono?
Leggiamo:


In questo caso, nonostante la libertà di scelta, Goldman ha deciso di inviare comunque sul NYSE il 18,5% dei non-directed orders; tuttavia, si tratta di una piccola parte del tutto. 
  • Quanti sono i non-directed orders tra tutti quelli ricevuti da “FELTL&CO.” per i soli titoli quotati sul NYSE? Al 30 Settembre 2015, il 100%.Alle cure di quali mani sapienti, il broker affida i non-directed orders (quindi anche degli stop-loss) ricevuti? Chi sono?
Leggiamo: