Translate

domenica 26 febbraio 2017

L' HARD LANDING DELLO SHADOW BANKING CINESE E' QUESTIONE DI “QUANDO” NON DI “SE” PT. 10

Per i posts precedenti sul tema clicca qui.
https://imgur.com/gallery/mJc9h#8a4jrOU
  • 01.09.2015 – La PBOC esegue il maggior rafforzamento dello Yuan dal 2010. Dati macro deludenti.
  • 01.09.2015 – La PBOC obbliga le banche a depositare, presso di sé, un importo pari al 20% dei contratti forward su valute stipulati dalle prime con i propri clienti. Le somme resteranno vincolate per un anno ad un tasso pari allo 0%. La Banca Centrale tenta di respingere gli assalti ribassisti contro lo Yuan.
  • 02.09.2015 – Il Governo cinese tenta di limitare l' outflow di capitali a mezzo UnionPay con destinazione Macao e verso il Canada con destinazione immobiliare di lusso.
  • 05.09.2015 - Zhou Xiaochuan, governatore della PBOC, dichiara nel corso del G20 che nel suo Paese è scoppiata una bolla finanziaria (quella del mercato azionario).
  • 06.09.2015 – La CSRC, nel corso del G20, fa sapere che farà tutto il possibile per stabilizzare il mercato azionario. Lo Shenzhen Composite presenta un P/E ratio pari a 37,3. Il default risk sovrano raggiunge il massimo a 2 anni.
  • 07.09.2015 – La PBOC comunica di aver venduto 94 miliardi di titoli di stato USA ad Agosto.
  • 07.09.2015 – La PBOC inietta nel sistema finanziario 150 miliardi di yuan tramite Reverse Repos a 7 giorni. 
  • 08.09.2015 – La Goldam Sachs sostiene che la CSFC (quindi il governo cinese) avrebbe supportato i mercati azionari immettendovi 600 miliardi di Yuan (sotto forma di acquisto diretto di azioni) nel corso della correzione verificatasi ad Agosto.
  • 11.09.2015 – Il 100% circa degli economisti interpellati dal WSJ ritiene che la Cina tarocchi le statistiche (clicca qui).
  • 13.09.2015 – Gli investimenti in Fixed Assets fanno segnare il minor incremento dal 2000.
  • 15.09.2015 – Si sparge la voce che la China National Erzhong Group Co. (entità controllata interamente dallo stato, la seconda per dimensione) potrebbe non pagare a Settembre le cedole sui propri titoli di debito.
  • 15.09.2015 Cheng Boming, presidente del più grande broker cinese “Citic”, viene indagato per insider-trading. I bene informati sostengono si tratti di una mossa del governo cinese volta a punire coloro i quali abbiano disatteso l'ordine di non vendere.
  • 16.09.20151300 Hedge Funds cinesi vanno in liquidazione (clicca qui).
  • 21.09.2015 – La CBRC (regolatore banche Cina) dichiara che la situazione dei NPLs è peggiore rispetto a quella vissuta nel 2008.
  • 22.09.2015 Xi, il presidente cinese, dichiara che l'economia cinese è stabile.
  • 22.09.2015PMI cinese ai minimi da Marzo 2009.
  • 23.09.2015 - Yuan in discesa per il quarto giorno consecutivo. Rischio sovrano cinese segna nuovi massimi a 2 anni.
  • 27.09.2015Albert Edwards, analista SocGen, dichiara che la crescita del  PIL cinese si attesterebbe al di sotto del 4% e non al 7% come riportato dalle statistiche ufficiali.
  • 27.09.2015 - Longmay Group, il più grande gruppo minerario-carbonifero cinese, licenzia 100 mila operai (il 40% della forza lavoro complessiva).
  • 29.09.2015 – La PBOC interviene nel valutario offshore per ridurre lo spread presente sul mercato tra yuan offshore ed onshore. L'intervento fa volare l' HIBOR overnight che tocca quota 8,729%